Lo sbiancamento dentale

Spesso accade che il colore dei propri denti non appaia naturale, non sia soddisfacente o semplicemente non sia di nostro gradimento e sia tale da arrecare imbarazzo nella nostra vita di relazione.

Il colore dei denti dipende da numerosi fattori: innanzitutto dalla fisiologia del nostro corpo e, in secondo luogo, dalle nostre abitudini quotidiane.

Una vita frenetica, l’assunzione di bevande colorate come tè, caffè o succhi di frutta e il vizio del fumo sono fattori determinanti nel processo di ingiallimento dei denti.
Tali situazioni capitano spesso, soprattutto una volta superati i 30 anni di età.

La moderna tecnologia ci permette oggi di realizzare trattamenti estetici di sbancamento dentale completamente indolori ed efficaci nel tempo, duraturi e di eccellente effetto estetico.

Esistono 2 metodologie per lo sbiancamento dentale: lo sbiancamento professionale domiciliare e lo sbiancamento professionale eseguito presso un ambulatorio odontoiatrico.
Per quanto riguarda il primo approccio, dopo un’attenta analisi eseguita dal professionista, al Paziente saranno consegnate delle mascherine trasparenti aventi la stessa forma dei propri denti,
le quali dovranno essere riempite con un gel sbiancante, fornito dallo specialista, inserite nel cavo orale ogni sera prima di coricarsi, per la durata di 5/7 giorni.
Il secondo approccio invece è più immediato: al Paziente, dopo essere stato accuratamente visitato, verrà applicato sui denti un gel sbiancante che rimarrà in situ per circa 40 minuti. In questo periodo il Paziente rimarrà seduto sulla poltrona del dentista: trascorso tale tempo, il gel sbiancante farà effetto e sarà attivato grazie all’utilizzo di luci a led estremamente potenti che faranno ottenere il risultato desiderato.

In entrambi i casi sopra descritti, in risultati sono duraturi nel tempo e, rispetto al passato, grazie agli studi scientifici eseguiti recentemente, anche il problema della sensibilità post-trattamento è stato risolto e ampiamente superato.

La durata del trattamento sbiancante è strettamente legata alle abitudini alimentari del Paziente e al suo livello di igiene orale.
Pazienti fumatori, che fanno uso di bevande colorate o zuccherate e, più in generale, che non hanno un buon livello di igiene orale, avranno risultati meno protratti nel tempo rispetto a coloro i quali eseguono le periodiche visite di igiene orale dall’odontoiatra e hanno abitudini alimentari corrette.

È molto importante tenere in considerazione il fatto che, prima di iniziare un trattamento di sbancamento dentale, bisogna effettuare un’accurata visita odontoiatrica e una seduta di igiene orale professionale poiché questa procedura non può essere eseguita in tutti i Pazienti e poiché una cattiva igiene orale e la presenza di placca e tartaro possono inficiare l’effetto e la riuscita di tale procedimento.

Rimane comunque e sempre fondamentale affidarsi al professionista nella scelta dell’approccio consigliato e personalizzato per non correre il rischio di imbattersi in trattamenti non consoni e non idonei, che possono addirittura danneggiare la superficie del dente in modo permanente.

written by Dott. Francesco Ludovichetti

One thought on “Lo sbiancamento dentale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *