La scoperta più importante dell’anno

La scoperta più importante dell’anno

“Che coss’è l’amor? È un sasso nella scarpa…” almeno così canta Vinicio Capossela.

In effetti arrivati “all’inizio della fine” di questo anno 2021 possiamo tranquillamente dire che qualche sasso dalla scarpa siamo riusciti a toglierlo.

La scoperta più importante dell’anno

“Che coss’è l’amor? È un sasso nella scarpa…” almeno così canta Vinicio Capossela.

In effetti arrivati “all’inizio della fine” di questo anno 2021 possiamo tranquillamente dire che qualche sasso dalla scarpa siamo riusciti a toglierlo.

Certo superare gli undici mesi appena trascorsi non è stata una passeggiata in un campo di margherite. Abbiamo dovuto trattenere nervosismo, brutte risposte e qualche volta anche gli insulti mordendoci la lingua.

Spesso abbiamo dovuto abbassare la testa o simulare un gran sorriso ma, alla fine abbiamo guadagnato la possibilità di far tacere molti.

La Resilienza

Se questo periodo pazzesco di Covid  qualcosa ha insegnato è sicuramente la Resilienza.

Questa parola che prima del Covid era usata e spesso abusata sembrava non avere un reale significato, almeno non del tutto comprensibile.

Prima del Covid eravamo resilienti a cosa? al semaforo del lunedì mattina oppure a chi? Al collega indisponente?!

Adesso, dopo mesi di restrizioni e cambiamenti sia nella vita privata che in quella sociale molti di noi possono dire, seriamente, d’aver applicato il termine con regolarità e per lungo tempo.

Se all’inizio dell’anno corrente avevamo in testa molte domande e poche risposte certe, undici mesi dopo possiamo iniziare a fare un bilancio e, tutto sommato, possiamo darci la famosa pacca sulla spalla perché a dispetto di cosa potesse sembrare “quasi un anno fa” oggi siamo riusciti a compiere imprese epiche e tanti saluti a coloro che hanno passato undici mesi cercando di scoraggiare o di sottolineare le difficoltà.

Che coss’è l’amor…?

Quindi torniamo a Vinicio che già in tempi non sospetti definiva l’amore come qualcosa che, apparentemente, non sembra ma può arrecare fastidio un po’ come quel commento al veleno che il “caro/a” di turno gentilmente ti sussurra all’orecchio tra un discorso e l’altro sottolineando le sue capacità a dispetto di tutti e tutto senza ragionare del fatto che senza “gli altri” nessuno di noi sarebbe, per così dire, in affari.

Quando a vent’anni ascoltavo Vinicio Capossela e la sua “Che coss’è l’amor” mi divertiva la visione di un sentimento così importante per l’essere umano e, sinceramente, non avrei mai pensato di poterlo usare come metafora nella ricerca di una chiusura di bilancio umana, lavorativa quindi personale ma, a questo punto posso davvero sorridere canticchiando “…son monarca e son boemio, se questa è la miseria mi ci tuffo con dignità da Re”

 

 

 

Buone Feste a voi tutti e arrivederci al prossimo anno!

2 thoughts on “La scoperta più importante dell’anno

Comments are closed.