Editoriale – Speciale Vini Natale 2021

Quando ero piccola parlare di vino era, a grandi linee, allo stesso livello del “passatempo”

Parlare di vino era una di quelle cose che solo gli uomini potevano fare e in linea generale rientrava tra gli argomenti, come il calcio e la politica, che dalle donne veniva visto come “off limits” quindi dedicato ai maschi che “mantenevano la famiglia”.

Quando ero piccola parlare di vino era, a grandi linee, allo stesso livello del “passatempo”

Parlare di vino era una di quelle cose che solo gli uomini potevano fare e in linea generale rientrava tra gli argomenti, come il calcio e la politica, che dalle donne veniva visto come “off limits” quindi dedicato ai maschi che “mantenevano la famiglia”.

Dal punto di vista editoriale, poi, erano davvero poche le testate che parlavano del nettare degli Dei.

Le pubblicità esistevano ma non era ancora ai livelli dell’anno 2021, mentre la considerazione per uno dei prodotti di punta che oggi sostiene il mercato italiano del settore beverage, per quanto riguarda l’import export, non era ancora così forte quanto poteva esserlo, ad esempio, quello dell’olio.

Nel corso degli anni le cose, però, sono andate migliorando. Questo settore pur cavalcando l’evoluzione del tempo e le sue innovazioni ha saputo mantenere il senso della tradizione attraverso un’operazione, per così dire, di ammodernamento delle tecniche, sentite nei racconti dei nonni, tali da far innamorare anche le donne.

Il vino, con le sue mille sfaccettature, ha aperto le porte alla sfera femminile facendo vedere al mondo che imparare a degustare è qualcosa che non ha sesso e non ha età, per tal motivo quella che una volta era vista come figura professionale maschile, il sommelier, oggi è riconosciuta anche da associazioni importanti come ad esempio Fisar che con la sua massima competizione nazionale – edizione n. 27 – assegna il primo posto alla Sommelier Marta Ingegneri.

Insomma la cultura del vino ha impattato in modo positivo nella società aprendo ad un mercato collaterale fatto di magazine, on line e cartacei, ma anche eventi dedicati aperti sempre più ad un pubblico curioso e appassionato che vede nel piacere del palato una nuova avventura da provare e per questo motivo abbiamo raccolto per voi una serie di etichette degustate dai nostri Sommelier che possano accompagnare il pranzo di Natale oppure che possano essere quel “gentil pensiero” donato ad un amico caro.

Augurando Buone Feste a voi tutti vi diamo appuntamento al prossimo anno.